club

Past President

Il presidente

Anno 2005/06
Massimiliano Tacchi

Quando, nel maggio 2000, sono entrato a far parte di questo sodalizio, non avrei mai pensato di poter ricoprire la carica di Presidente dopo soli cinque anni e invece eccomi, il 28 giugno 2005, primo anno del secondo secolo di vita del Rotary, a rivestire questo prestigioso incarico.
Nell’annata rotariana 2005-2006 ho utilizzato più volte, in occasione degli incontri del sodalizio, la parola partecipazione, perché la ritengo l’elemento fondante del vero spirito rotariano, ricordando a tutti i Soci il concetto, espresso dal PDG Francesco Barone, secondo il quale “essere rotariani è una scelta morale”.
Le iniziative che hanno caratterizzano questa annata rotariana sono state finalizzate, oltre che al raggiungimento degli obiettivi prefissati dal Consiglio, anche a una crescita di quegli elementi indispensabili di cui un Club come questo ha bisogno: la comunicazione, gli scambi di idee, la partecipazione, l’integrazione organizzativa, la responsabilizzazione personale e collettiva ma soprattutto l’amicizia.
Credo molto nell’amicizia, quella vera, quella non mascherata da interessi personali, quella sincera, quella che ti permette di poter disporre dell’apporto di amici su cui contare, e questa mia convinzione è indubbiamente l’elemento essenziale che mi ha indotto, il 30 maggio 2000, a far parte del Rotary.
Durante l’annata 2005-2006 tengo a sottolineare la partecipazione attiva alla vita del Club da parte dei ragazzi del Rotaract “Pistoia-Montecatini Terme” che sono sempre stati disponibili ogni qualvolta abbiamo chiesto un loro aiuto per le nostre iniziative.
Grazie all’amico, nonché Assistente del Governatore, Mauro Lubrani ed ai Soci che, con il loro spirito rotariano e la partecipazione alla vita attiva del Club, hanno permesso al nostro sodalizio di ottenere molteplici attestazioni di riconoscenza da parte dei Rappresentanti delle Istituzioni Regionali e Locali e far si che, in occasione del Congresso Distrettuale svolto a Rimini nel Maggio 2006, il Governatore del Distretto Rotary 2070, Avv. Italo Giorgio Minguzzi, abbia consegnato a Filippo Talini ed al sottoscritto il riconoscimento Paul Harris per quanto realizzato nell’annata rotariana 2005-2006.
Grazie di questa magnifica esperienza che mi avete fatto vivere.

L’annata 2005/2006

In questa annata rotariana, che ha visto l’ingresso di tre nuovi soci, l’effettivo ha raggiunto le 55 unità.
Il Club ha svolto 22 caminetti in cui sono stati illustrati dai Presidenti delle Commissioni i progetti dell’annata ed i relativi stati di avanzamento e 22 conviviali in cui sono stati trattati temi relativi alla sanità (il prof. C. Widmann, psicoanalista e il prof. N. Comodo, igienista dell’Università di Firenze), all’economia (il dott. De Feo, direttore degli Affari di Bilancio presso il Parlamento Europeo), all’idrologia (il dott. R. Chetoni, geologo), alla musica (il m° M. Papini, il soprano Raffaella Marongiu), all’alimentazione (Dario Cecchini, macellaio-poeta e Luca Mannari, maestro cioccolatiere), all’ufologia (l’avv. M. Bianchini), al diritto (il dott. A. Martone, Presidente della Commissione di Garanzia sugli Scioperi e già presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati).

Abbiamo avuto il piacere di conferire il Paul Harris al dr. Giuseppe Oriana, che ha brevettato il misuratore 'tempo-temperatura', unico al mondo, in grado di monitorare lo stato di conservazione dei farmaci che devono essere conservati in frigorifero, e al socio Filippo Talini per la dedizione al Club.

Sul fronte dela cultura e dell’arte abbiamo partecipato al restauro del primo altare della chiesa di San Michele Arcangelo a Ponte Buggianese (Pt) sulle cui pareti è possibile ammirare le opere del maestro Pietro Annigoni e organizzato due gite: a Firenze alla scoperta del rinascimento e a Berlino.
Per quanto riguarda i temi solidaristici il club ha iscritto tutti i soci alla Lega Italiana per la lotta contro i tumori, ha consegnato giocattoli, libri, abbigliamento e strumenti informatici a bambini e adolescenti della Casa Santa Famiglia di Monsummano Terme (Pt) e del Centro S. Anna di Pistoia.
Infine abbiamo acquistato materiale didattico per i bambini delle scuole di Bir Ganduz: una tendopoli della Repubblica Araba Saharawi Democratica, situata in campi profughi del deserto algerino.
Molto importante è stata la realizzazione di due pozzi per l’acqua in Sudan, tramite l’AMREF, allo scopo di permettere a circa 600 persone di poter usufruire di questo bene indispensabile per la vita.

Due le principali iniziative dell’azione pubblica: il concerto di musica jazz e swing svolto nel parco termale di Montecatini Terme che ha visto l’adesione di 320 persone, e il convegno “Mercato, Imprese e Lavoro” con obiettivo principale il coinvolgimento dei giovani prossimi all'ingresso nel mondo del lavoro con la partecipazione di oltre 70 persone.
Infine ricordiamo la donazione in denaro agli studenti meritevoli dell’Istituto Alberghiero “F. Martini” di Montecatini Terme.

 

 

powered by Macrolab