club

Past President

Il presidente

Anno 1997/98
Nicola Cinque

Lo spirito che mi ha spinto ad agire nel mio anno di presidenza nel club Marino Marini è stato quello di iniziare i giovani soci del nuovo club, di cui una minoranza già appartenuti al Rotaract (quindi con una certa esperienza di vita di club), la maggioranza non del tutto consapevole degli scopi e del regolamento del club, ad una nuova vita, quella rotariana.
Una vita fatta di regolamenti e norme di vario genere, ma soprattutto di quel “quid” che distingue il socio rotariano: lo sprone ad agire per ‘servire’ senza limitazioni.
Ed è per questo e soprattutto per cementare l’amicizia che durante l’annata sono state numerose le conversazioni fatte, nella maggior parte dei casi, dai giovani soci, proprio nell’intento di creare quello spirito rotariano che deve far parte della vita del socio. E così hanno intrattenuto piacevolmente i soci: Paolo Ferretti sul vino novello, Tullio Tesi sulla storia del vivaismo pistoiese, Umberto Flori sul mercato edilizio dell’Est, Alessandra Danesi sulla musica moderna in Inghilterra, Alessandro Melani sul parto oggi ecc.
Il Club ha inoltre inviato al Ryla due giovani, Pietro Danesi e Filippo Fedi, i quali, dopo una settimana intensa, hanno riferito al Club l’esito della loro esperienza.

L’annata 97/98

In collaborazione con il club padrino, si è svolto, alla Breda, l’One day Master: giornata di studio e formazione per un gruppo selezionato di 30 laureandi e laureati delle Università di Firenze, Pisa e Siena.
Di notevole interesse è stata la serata voluta ed organizzata dal Club Marino Marini assieme al Club Padrino ed ai Club Lion di Pistoia, Quarrata, Agliana, Pianura Pistoiese e Montecatini Terme nella quale oratore è stato l’ing. Mauro Forghieri, a suo tempo Direttore Tecnico della Ferrari, che ha trattato con notevole competenza l’argomento sulla sicurezza delle auto.
Sempre in collaborazione con il Club Padrino, sono stati ospitati, per conto della Rotary Foundation, 5 laureati di nazionalità brasiliana, i quali hanno trascorso una settimana tra aggiornamenti culturali e visite ai monumenti della nostra zona.
Nell’anno rotariano 1997-98 è stato concesso il PHF alla signora Marina Marini, vedova del grande scultore dal quale il Club ha preso il nome. Numerose sono state le opere di beneficenza elargite dal Club nell’anno rotariano 1997-98 ed in primo luogo il contributo al programma Polioplus, che aveva lo scopo di eradicare la poliomielite dalla faccia della terra.
L’anno di Presidenza del prof. Cinque si è arricchito con la soddisfazione di ottenere l’attestato personale di servizio da parte della Rotary Foundation.

 

 

powered by Macrolab